Outdoor experiences? Only with a certified mountain guide

Whether at the seaside, in the mountains, on a farm or in the cities of art, today tourism is increasingly “experiential”. 

The static holidays in the classic catalogue destinations are accompanied by dynamic activities, such as discovering new flavours in the kitchen or in a vineyard, looking for unusual landscapes underwater or at 2000 meters, testing themselves in new sporting challenges far from everyday life.

The mountain, for example, is so unique and stimulating that it can always offer new outdoor experiences, 12 months a year. Rock climbing, ice climbing, mountaineering, trekking and much more: it is up to the tourist or sportsman to decline these activities according to their tastes and according to their preparation. However, we must always remember that the risk is just around the corner. This is why it is important to live the mountain safely, relying on professionals like mountain guides, able to offer unforgettable experiences without problems.

Two mountaineers during a ski tour

 Why rely on a mountain guide?

Experience, competence and safety: these are all factors that make guide an irreplaceable companion when climbing the summit. Let’s dispel some clichés immediately. The mountain guide is not just an expert used to learn about the flora and fauna of the mountain or to accompany groups of pensioners and children. A guide is essential, both for those who want to take their first steps in the mountaineering environment and for the more experienced amateurs who wish to reach the summit through other more challenging and less obvious itineraries. Athletes are often the first to be accompanied by local mountain guides in the most extreme challenges, or in areas they do not know.

For this reason, sometimes, people are erroneously led to think that guides are to be consulted only for extreme and dangerous activities. Quite the contrary: the knowledge of the territory and nature is the other great competence of the guides, who are in fact trainers, travelling companions and mediators between the “slow” tourist and the secrets of the mountain. The availability of these professionals makes it a figure able to customize any type of outdoor experience.

But the commonplace is about the risks: it is common opinion, in fact, that only the alternative or difficult itineraries are those ones requiring a certified guide. We think, instead, that the experiences in the most widely-known and tourist places – just because of the high concentration of visits – cause even more accidents. Never let your guard down then! In addition to good equipment and a lot of attention, let’s bring with us a professional who can foresee all the dangers of the mountain.

What does it mean to be a certified mountain guide?

UIAGM official logo

Once it was called “carrier”, because he used to carry on his shoulders the baggage or equipment of the tourist, when the fashion of going to the mountains spread. It was during the nineteenth century that for the first time the masters of the mountain (hunters, woodsmen, shepherds) began to define their role as companions with awareness. The first association of official mountain guides was born in 1821 in Chamonix. Since then, through a series of regional consortia and colleges, the profession of mountain guide has become a full-fledged professional figure, certified by enrollment in a register and recognized in several European countries.

However, if you think that anyone can improvise as a mountain guide you will have to change your mind: certification, fundamental for this profession, involves a long and tiring path. It is also necessary money and plenty of motivation.

The first of the many steps is a 3-day preparatory course, during which the abilities – but above all the willpower – are evaluated through practical tests on rock, ski, ice and mixed. Those who pass the selection thus access the actual 95-day training course, over 21 months. At the end of this course, it is necessary to pass the exams to obtain the qualification of “Aspiring Mountain Guide“. With this patent, which allows the registration to the register, you can already work independently, with the exclusion of foreign countries and with some limitations based on the reference college. The aspiring guide, for example, cannot carry out the ascents that the Regional College of mountain guides believes of greater commitment.

At this point the so-called “aspiring” begins, which lasts at least two years: at the end, a new cycle of examinations allows access to the training course for the transition to the title of “Alpine Guide – Master of mountaineering“, last degree of the profession. The course, in this case, lasts 15 days, distributed over 6 months.

It is worth pointing out that there is also another certified profession, that makes possible to live different experiences, less demanding but as exciting. This is the mid-mountain guide (AMM) who, unlike the mountain guide, is qualified to lead individuals or groups on hiking terrain without altitudinal limits, but with limited difficulty. The AMM is present in all lands where it is not necessary to use mountaineering techniques and equipment such as ropes, harnesses, crampons, ice axes or self-insurance tools (returns, connectors etc.). In addition, he is an environmental educator, an expert not just in botany, geology or zoology, but also in architecture, history and/or geography, and so on.

Are you a mountain guide? Click here to join Yakki as a host of experiences.

What does a mountain guide do?

Mountain and trail excursions, rock or ice ascents, classic mountaineering, ski-mountaineering, freeriding, canyoning and much more: for all these activities, a certified mountain guide can accompany us, take us to panoramic or unknown spots, help us improve the technique and, above all, pass on the love for outdoorsand nature. But his role does not end with this.

There is the organizational aspect: both for groups and for individuals or couples, he/she plans the tour or experience in the best way and knows how to recommend the right itinerary, based on physical condition, interests, age of the participants and, of course, personal needs. And again, there is the aspect related to sports preparation: the certified mountain guide helps ambitious customers to improve technically and physically. For this reason, it is not rare that he/she becomes a point of reference for many years and all over the world: it can happen that a relationship of trust is created beyond a single experience in a specific place.

But first of all, and it is good to repeat it, a mountain guide helps you to avoid the many dangers that could arise.

Rock climbing with a mountain guide

Mountain hazards without mountain guide

So let’s see these dangers, and let’s start with the number one enemy for the people leaving to reach the summit: snow. Uneven, unpredictable, difficult to manage even for the most experienced: it is not enough to check the weather before putting on your boots. Moreover, even if there are no snowfalls coming, it is necessary to be extremely cautious in assessing the layers, almost never homogeneous, as well as the possible detachment of ridges of ice or snow, with all that may ensue.

Settling, consolidation and overloading of the snow layers are three words that do not say much to a tourist, but for a mountain guide, they are the keys to guaranteeing an experience in complete safety. The avalanche danger is measured on a probability scale that occurs, from 1 (weak) to 5 (very strong). In other words, the degree of danger is an estimate, not a measure, and for this reason, only an expert can make accurate assessments.

Those who think that it is enough to know this scale to evaluate whether to leave or not should consider that over 80% of accidents due to an avalanche occur with danger 2 and 3. Likewise, most risks are already present with small and medium-sized avalanches: there is no need for the catastrophic event, therefore, to get hurt seriously. And in any case, finally, even grade 1 does not guarantee total security, that is why we must never let our guard down.

If there is snow, the pitfalls of the mountain do not end there: the sudden climatic changes, even when they do not bring flakes, can equally create problems, starting from the gusts of wind with the consequent windchill effect, or the lowering of temperature that we may risk to perceive more than it is, as well as  combined with heat dispersion. And yet all the dangers of ice, unsure rock faces and, not least, loss of orientation. That’s a danger that is very present to all of the visitors, and yet one of the main causes of problems in excursions, where there is no guide to tracing the path.

Get ready to live your mountain experience with a certified mountain guide on Yakki!

Esperienze outdoor? Solo con una guida alpina certificata

Che sia al mare, in montagna, in agriturismo o nelle città d’arte, oggi il turismo è sempre più “esperienziale”.

Alle vacanze statiche nelle classiche mete da catalogo si vanno affiancando attività dinamiche, come scoprire nuovi sapori in cucina o in una vigna, cercare panorami insoliti sott’acqua o a 2000 metri, mettersi alla prova in nuove sfide sportive lontane dalla quotidianità.

La montagna, per esempio, è un ambiente talmente unico e ricco di stimoli che può sempre proporre nuove esperienze outdoor, 12 mesi all’anno. Arrampicata su roccia, su ghiaccio, alpinismo, trekking e molto altro ancora: sta al turista o allo sportivo declinare queste attività secondo i propri gusti e in base alla preparazione. Dobbiamo però ricordare sempre che il rischio è dietro l’angolo. Per questo è importante vivere la montagna in sicurezza, affidandosi a professionisti come le guide alpine, in grado di proporre esperienze indimenticabili ma senza problemi.

Due alpinisti durante un tour sugli sci

Perché affidarsi a una guida alpina?

Sfatiamo subito alcuni luoghi comuni. La guida alpina non è solamente un esperto a cui si ricorre per conoscere flora e fauna della montagna. Così come non accompagna solamente comitive di pensionati e bambini. Una guida è indispensabile tanto per chi desidera muovere i primi passi in ambiente alpinistico, quanto per gli amatori più esperti che desiderano arrivare in vetta attraverso altri itinerari più impegnativi e meno scontati. Spesso sono proprio gli atleti preparati i primi a farsi accompagnare da guide alpine locali nelle sfide più estreme, o in zone che non conoscono.

Per questo, a volte, si è portati erroneamente a pensare che le guide siano da interpellare solo per le attività estreme e pericolose. Tutt’altro: la conoscenza del territorio e della natura è l’altra grande competenza delle guide, che di fatto sono dei formatori, compagni di viaggio e mediatori tra il turista “slow” e i segreti della montagna. La disponibilità di questi professionisti, insomma, ne fa una figura in grado di personalizzare qualsiasi tipo di esperienza outdoor.

Ma il luogo comune su cui scivoliamo tutti riguarda i rischi: è opinione comune, infatti, che siano unicamente le mete alternative, o difficili, quelle che richiedono un accompagnatore certificato. Non pensiamo, invece, che le esperienze nei luoghi più battuti e turistici – proprio per la forte concentrazione di visite – comportano ancora più incidenti. Mai abbassare la guardia quindi! Oltre a una buona attrezzatura e tanta attenzione, portiamo sempre con noi anche un professionista che sappia prevedere tutti i pericoli della montagna.

Cosa significa essere guida alpina certificata?

UIAGM logo ufficiale

Un tempo si chiamava “portatore”, perché portava – appunto – sulle proprie spalle il bagaglio o l’attrezzatura del turista, quando si diffuse la moda dell’andar per monti. È nel corso XIX secolo che per la prima volta i padroni della montagna (cacciatori, boscaioli, pastori) iniziano a definire con consapevolezza il loro ruolo di accompagnatori. La prima associazione di guide alpine ufficiali nasce nel 1821 a Chamonix. Da allora, attraverso una serie di consorzi e collegi regionali, la professione di guida alpina è divenuta figura professionale a tutti gli effetti, certificata dall’iscrizione a un albo e riconosciuta in vari paesi europei.

Tuttavia, se qualcuno pensa che chiunque possa improvvisarsi guida alpina dovrà ricredersi: la certificazione, fondamentale per questa professione, comporta un percorso lungo e faticoso. Occorre armarsi di tempo, denaro e tanta, tanta motivazione.

Il primo dei tanti step è un corso propedeutico di 3 giorni, durante i quali si valutano le capacità – ma soprattutto la forza di volontà – attraverso prove pratiche su roccia, sci, ghiaccio e misto. Chi passa la selezione accede così al vero e proprio corso di formazione, della durata di 95 giorni distribuiti in 21 mesi. Al termine di questo corso occorre superare gli esami per ottenere la qualifica di “Aspirante Guida”. Con questo brevetto, che consente l’iscrizione all’albo, si può già lavorare autonomamente, con esclusione dell’estero e con alcune limitazioni in base al collegio di riferimento. L’aspirante guida, per esempio, non può condurre le ascensioni che il Collegio Regionale delle guide alpine ritiene di maggiore impegno.

A questo punto del percorso inizia il cosiddetto “aspirantato”, che dura almeno due anni: al suo termine, un nuovo ciclo di esami consente l’accesso al corso di formazione per il passaggio al titolo di “Guida Alpina – Maestro di alpinismo”, ultimo grado della professione. Il corso in questo caso dura 15 giorni, distribuiti nell’arco di 6 mesi.

Senza complicare il quadro, è bene segnalare che esiste anche un’altra professione certificata, con la quale è possibile vivere esperienze diverse, meno impegnative ma altrettanto emozionati. Si tratta dell’Accompagnatore di media montagna (AMM) che, a differenza della guida alpina, è abilitato a condurre singoli o gruppi su terreni escursionistici senza limiti altitudinali, ma dalla difficoltà limitata. L’AMM è presente in tutti i terreni in cui non è necessario impiegare tecniche alpinistiche e attrezzature quali corde, imbraghi, ramponi, piccozze o strumenti di autoassicurazione (rinvii, connettori etc.). In più, è un educatore ambientale, esperto di botanica, geologia o zoologia, ma anche di architettura, storia e/o geografia, eccetera.

Sei una guida alpina? Clicca qui per unirti a Yakki come host di esperienze.

Cosa fa una guida alpina?

Escursioni in montagna e su sentiero, ascensioni su roccia o ghiaccio, alpinismo classico, sci-alpinismo, freeride, canyoning e molto altro ancora: per tutte queste attività, una guida alpina certificata ci può accompagnare, portarci in punti panoramici o sconosciuti, aiutarci a migliorare la tecnica e, soprattutto, trasmetterci l’amore per l’outdoor e la natura. Ma il suo ruolo non si esaurisce a questo.

C’è l’aspetto organizzativo: sia per i gruppi che per i singoli o le coppie, pianifica il tour o l’esperienza nel migliore dei modi e sa consigliare l’itinerario giusto, in base condizione fisica, interessi, età dei partecipanti e, naturalmente, esigenze personali. E ancora, c’è l’aspetto legato alla preparazione sportiva: la guida alpina certificata aiuta i clienti ambiziosi a migliorare tecnicamente e fisicamente. Per questo non è raro che diventi un punto di riferimento per molti anni e in tutto il mondo: può succedere che si crei un rapporto di fiducia che va oltre una singola esperienza in un luogo preciso.

Ma prima di tutto, ed è bene ripeterlo, una guida alpina ti aiuta a evitare i tanti pericoli che possono presentarsi.

Arrampicata su roccia con guida alpina

Le insidie della montagna senza guida alpina

Vediamoli allora, questi pericoli, e iniziamo dal nemico numero uno di chi parte per conquistare la cima: la neve. Disomogenea, imprevedibile, difficile da gestire anche per i più esperti: non basta controllare il meteo prima di infilarsi gli scarponi. Inoltre, anche qualora non ci fossero nevicate in arrivo, bisogna essere estremamente cauti nel valutare gli strati, quasi mai omogenei, e i possibili distacchi di costoni di ghiaccio o neve, con tutto quello che può conseguirne.

Assestamento, consolidamento e sovraccarico degli strati nevosi sono tre parole che non dicono molto a un turista, ma per una guida alpina sono le chiavi per garantirvi un’esperienza in tutta sicurezza. Il pericolo di valanghe, per chi non lo sapesse, è misurato su una scala di probabilità che si verifichi, da 1 (debole) a 5 (molto forte). In altre parole, il grado di pericolo è una stima, non una misura, e per questo motivo solo un esperto può fare valutazioni accurate.

Chi pensa che basti conoscere questa scala per valutare se partire o no, consideri che oltre l’80% degli incidenti a causa di una valanga avviene con pericolo 2 e 3. Allo stesso modo, gran parte rischi è già presente con piccole e medie slavine: non c’è bisogno dell’evento catastrofico, quindi, per farsi male seriamente. E comunque, per concludere, neanche il grado 1 garantisce sicurezza totale, motivo per cui non siamo mai autorizzati ad abbassare la guardia.

Se la neve la fa da padrone, le insidie della montagna non finiscono qui: i repentini cambiamenti climatici, anche quando non portano fiocchi, possono ugualmente creare problemi, a partire dalle raffiche di vento con il conseguente effetto windchill, ovvero l’abbassamento di temperatura che rischiamo di percepire ancora più netto di quanto non sia, unito alla dispersione termica. E ancora tutti i pericoli del ghiaccio, le pareti rocciose poco sicure e, non ultimo, la perdita di orientamento. Un pericolo ben presente a tutti, banale da elencare, eppure una delle principali cause di problemi nelle escursioni in cui non c’è una guida a tracciare il sentiero.

Preparati a vivere la tua esperienza in montagna con una guida alpina certificata, con Yakki!

The time has come for the Yakki Blog!

Everybody keeps talking about Yakki and everybody wants to know more about it. So we thought to start our blog with a detailed list of keywords of what YAKKI is!

Sunset watching on Sinaia mountain

Y: Young People

Not only on the ID card! We are constantly looking for challenges, new passions and moments to enjoy with friends as well as on our own. One of the most appreciated ways to “gift” yourself a moment, is to go outside… we are among those who love to live those moments as unforgettable timeframes, in the mountains!

A: Adventures & Experiences

We believe that each moment of your life contributes to what your life – and you – will become. Adventures are great ways to discover new aspects of the world and give your best to live it and feel it. Adventures are a fantastic way to give yourself a boost, find new locations and friends!

K: it’s Kool

Spending some time in nature, on a peak of a mountain, on the shores of a river…that’s really cool! And do you know what’s even cooler? Discover the world and have fun with Yakki’s guides, instructors and experts!

K: Kontagious

Once you try it, you won’t leave it. Once you feel that fresh air on your face, you see the sunrise from the peak of a mountain, you will become addicted to such feelings and moments. Share these special moments with your soul mate, your friends and your family: be a outdoor lover is contagious, in a fantastic way!

I: innovative, interesting, incredible

Yakki is the first platform for outdoor enthusiasts and travellers. It’s the best way to find awesome experiences with a certified professional all around the world. It’s an incredibly easy tool to plan your holidays based on the activities that a location offers. In this way you won’t just visit a place, you will live it and create memorable moments.

È arrivato il momento del Yakki blog!

Tutti ne parlano, e tutti vogliono saperne di più! Di cosa stiamo parlando? Di Yakki! Ecco perché abbiamo pensato che sarebbe stato utile iniziare il nostro blog con un elenco dettagliato di parole chiave su YAKKI!

Sunset watching on Sinaia mountain

Y: “Young People”

Non solo sulla carta d’identità! Siamo tutti costantemente alla ricerca di sfide, nuove passioni e momenti da vivere con gli amici, ma anche da assaporare da soli. Uno dei modi più apprezzati per “regalarsi” un momento, è andare all’aperto… noi rientriamo proprio nella categoria di chi ama vivere le proprie passioni e creare momenti indimenticabili, in montagna!

A: Avventure e Esperienze

Crediamo che ogni momento della nostra vita contribuisca a ciò che la nostra vita – e noi – diventeremo. Le avventure sono ottimi modi per scoprire nuovi aspetti del mondo, viverlo e crescere dando il meglio di sé. Le avventure sono un modo fantastico per diventare persone migliori, aprire la mente, scoprendo nuovi luoghi e amici!

K: è Kool

Trascorrere un po’ di tempo nella natura, che sia sulla cima di una montagna, sulle rive di un fiume o correndo in riva al mare è davvero cool! E sai cos’è ancora più cool? Scopri il mondo e divertirti con le guide, gli istruttori e gli esperti di Yakki!

K: Kontagioso

Una volta provato, non lo lascerai più. Una volta che sentirai quell’aria fresca sul tuo viso, vedrai l’alba dalla cima di una montagna, non potrai più farne a meno. Condividi questi momenti speciali con la tua dolce metà, i tuoi amici e la tua famiglia: essere un amante dell’outdoor e della natura è contagioso, in modo fantastico!

I: innovativo, interessante, incredibile

Yakki è la prima piattaforma pensata per gli amanti di outdoor. È il modo migliore per trovare esperienze uniche con un professionista certificato. È uno strumento incredibilmente semplice per pianificare le vacanze in base alle attività che la località offre: in questo modo non solo visiterai un luogo, ma lo vivrai e creerai momenti memorabili!